GIM - Girovagando in Montagna in Trentino

ESCURSIONI IN MONTAGNA => Trentino Orientale => Escursioni estive in Trentino => Lagorai - Cima D'Asta - Rava => Topic aperto da: AGH - 06/10/2021 13:50

Titolo: [LAGORAI] Trincee nella nebbia
Inserito da: AGH - 06/10/2021 13:50
(https://i.imgur.com/o7IaUZv.jpg)
Cima quota 2686

Una cima secondaria senza nome che sfiora i 2700 metri e che non ho mai salito. Non ci sono sentieri o tracce. Con le immagini satellitari intravedo arditi trinceramenti degli austroungarici che corrono lungo lo stretto crinale a picco sui precipizi. Anche questa cima faceva parte della lunga linea del fronte del Lagorai, dalla Panarotta al Rolle, e perciò presidiata da massicce opere di difesa su ogni cima e forcella, con postazioni, trinceramenti per chilometri, baracche e accampamenti in quota. Decido di andare a dare un’occhiata.

(https://i.imgur.com/ODyvefz.jpg)
La mulattiera della Grande Guerra che sale al Lago di Cece
(https://i.imgur.com/Q4zpxLd.jpg)
Salendo verso forcella Cece, con un nevaio che ormai "farà il giro"
(https://i.imgur.com/TAZ8VQD.jpg)
Mulattiera e baraccamenti, sullo sfondo Cima di Valbona
(https://i.imgur.com/IsoyYux.jpg)
La mulattiera della Grande Guerra verso Cima Slavaci
(https://i.imgur.com/whdV0qC.jpg)
Forcella trincerata
(https://i.imgur.com/7IS0riv.jpg)
Fortificazioni in vetta

Quando attacco la cima, a metà giornata dopo un lungo avvicinamento, cala la nebbia e una pioggerella mista a pallini di grandine rende le pietre scivolose come il sapone. Qui, in questi posti infami, i soldati ci vivevano, soffrivano, combattevano, morivano: posso desistere dalla salita per queste banali difficoltà? No di certo. Mi arrampico con cautela sulle ripide lastronate roccia e poi per pietraie che rendono penosa la salita.

(https://i.imgur.com/v9ojVJd.jpg)
Sul versantre opposto, resti di massicciate della mulattiera che sale verso Cima Slavaci
(https://i.imgur.com/pJ8sHs0.jpg)
Ultimo tratto verso la cima, con la scalinata della Grande Guerra, franata in diversi punti

Rintraccio le tracce della mulattiera che sale con gradinate a picco su tremendi baratri: in vari punti è franata o sconquassata dalle frane, in altri appare decisamente pericolante. Bisogna stare attenti: queste magnifiche mulattiere ai tempi di guerra erano mantenute costantemente, spesso protette da corrimano e parapetti, funi di sicurezza. Dopo un secolo è tutto in rovina, precario e franoso tra gli sfasciumi di porfido.

(https://i.imgur.com/V2R7aiQ.jpg)
Galleria in vetta con le travature originali
(https://i.imgur.com/3d5a77w.jpg)
Il cunicolo scavato nella roccia
La feritoia si affaccia su Miesnotta, che era presidiata dalle truppe italiane
(https://i.imgur.com/dvspIRw.jpg)
Postazione con vista verso Cima Valon e Cima Cece

Arrivo finalmente sul filo di cresta: ci sono i resti delle baracche, con le travature in legno originali di cento anni fa. I ripari dei soldati sono collegati da stretti camminamenti, caverne, nidi d'aquila, postazioni. La nebbia e la pioggia rendono spettrale il paesaggio: da una piccola feritoia di un muro a secco vedo comparire in uno squarcio nelle nuvole la severa Cima Valon e, sullo sfondo, l’imponente profilo di Cima Cece. Sul versante opposto appare e scompare nelle nebbie la vicina cima Slavaci. Più in basso a nord est le sterminate pietraie verso Cima Bragarolo e Ceremana.

(https://i.imgur.com/YTrUfyg.jpg)
Scalinata precaria
(https://i.imgur.com/M41BMB5.jpg)
Vista sulle "laste" sotto gli Slavaci
(https://i.imgur.com/xtjht1F.jpg)
Postazione a picco sul precipizio
(https://i.imgur.com/nWkW0hk.jpg)
Camminamento trincerato
(https://i.imgur.com/jvVRqhm.jpg)
Galleria scavata nella roccia della cima
(https://i.imgur.com/TpK4Ojx.jpg)
Nido d'aquila
(https://i.imgur.com/PMwO6Zu.jpg)
Il micidiale crinale di sfasciumi, con cima Valon al centro e dietro Cima Cece
(https://i.imgur.com/ePEDkww.jpg)
Forcella senza nome, coi "gendarmi" di roccia

Mi infilo con molte precauzioni in una galleria parzialmente franata, scavata da un versante all’altro e che si affaccia con una stretta finestrella sulla Miesnotta, all’epoca presidiata dalle guarnigioni italiane. Percorro con attenzione i camminamenti tra i precipizi che conducono ai vari “nidi d’aquila” dei soldati, osservatori in cima a dei roccioni che fanno paura solo a guardarli. Le vedette ci passavano ore, giorno e notte, estate e inverno.

(https://i.imgur.com/bTH6hrU.jpg)
Discesa per la Val Caserina
(https://i.imgur.com/B8BEjiy.jpg)
La zona dei Slavaci nel Lagorai nord orientale
Titolo: Re:[LAGORAI] Trincee nella nebbia
Inserito da: Data - 10/10/2021 21:04
Scusa la domanda stupida. Che mappa è quella dello screenshot?
Titolo: Re:[LAGORAI] Trincee nella nebbia
Inserito da: AGH - 11/10/2021 14:32
Che mappa è quella dello screenshot?

è una mappa che ho fatto io, utilizzando i dati di OSM e il DTM della Provincia di Trento