Autore Topic: [LAGORAI] Monte Croce m 2490 da Malga Stramaiolo  (Letto 755 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline bandurko

  • Full Member
  • ***
  • Post: 189
  • Sesso: Maschio
Partenza alle 8 dal parcheggio poco sotto a Malga Stramaiolo dove incrociamo la mandria che, appena uscita dalla stalla viene accompagnata al pascolo. Raggiunto il passo del Campivel entriamo nel bosco che lungo le pendici del gruppo del Rujoch conduce quasi in piano fino ai ruderi del Rif. Tonini (sentiero 443)


Malga Stramaiolo, sullo sfondo Brenta e Paganella


Inizia la giornata


Il sentiero 443 verso il rif. Tonini

Da qui, lungo il sentiero 340 prendiamo rapidamente quota lungo un sentiero che risale seguendo quasi la linea di massima pendenza e attraversando pietraie che si riveleranno particolarmente ostiche per le articolazioni durante la discesa.



Dopo il bivio con il sentiero che porta sulla dorsale del Rujoch, il sentiero inizia un lungo traverso, con continui saliscendi, lungo la val Mattio fino a raggiungerne la testata presso la Busa o Busona del val Mattio. lasciamo ora il sentiero 340 per imboccare il sentiero 460 che ci condurrà fino alla vetta.
Il sentiero affianca il fondovalle coperto da rododendri, poco prima che questo lasci il posto ad un'ampia spianata che solo nella parte più bassa è occupata da un ristagno d'acqua residuale.


Scalinata in legno  - sentiero 340


Dietro al Doss dei Cirmi fanno la loro comparsa il Fregasoga ed il M.te Croce


La Busa della val Mattio


Qui il seniero si snoda sulla fronte di un deposito morenico ben evidente. Scollinata la dorsale sud del Dos dei Cirmi si entra nell' ampia valle del rio Fregasoga e con un altro traverso che taglia i ghiaioni del M.te Baitol si giunge poco sotto P.so Scalet.



Qui breve strappo per raggiungere il passo, affiancati dai resti di manufatti della prima guerra.



Dal passo in circa 45 minuti si raggiunge la cima con una salita interrotta sola da un traverso lungo i prati del versante meridionale.


Passo Scalet


I prati del versante meridionale del M.te Croce


Ultimo strappo


Croce di vetta


In vetta (raggiunta in poco più di 4 ore) la vista spazia a 360 gradi, sono ben distinguibili Sella, Latemar, Catinaccio, Marmolada, Pale di San Martino ad est, buona parte del Lagorai centrale ed ccidentale, Cima d' Asta e il gruppo del Rava.


Lagorai Centrale, Cima d'Asta. Ben visibili ancora gli schianti lungo la strada che sale a Passo Manghen


In lontananza i gruppi dolomitici


Lagorai Occidentale (da Passo Scalet)


A questo punto vorrei raccontarvi del rientro attraverso la dorsale del Baitol e del Rujoch ma le crisi di crampi sofferte dal mio compagno di escursione durante la discesa ci hanno fatto decidere di rientrare dalla strada percorsa all'andata.


La dorsale del Baitol e quella del Rujoch. Ben visibile, sulla sinistra, il sentiero previsto per il rientro

Piccola annotazione geomorfologica: rientrando sulla valle del rio Fregasoga appare ben evidente la presenza di un ampio rock glacier, il più esteso fra quelli da me osservati sul Lagorai, caratterizzato da una distesa detritica quasi orizzontale e terminante con una ripida fronte: una forma che replica quella della parte terminale dei ghiacciai.


Il rock glacier posto alla tetata della valle del rio Fregasoga



Traccia del percorso compiuto in nove ore comprese soste e infortuni
« Ultima modifica: 14/08/2020 00:56 da bandurko »

Offline AGH

  • Administrator
  • *****
  • Post: 20.561
  • Sesso: Maschio
  • AGH
  • località di residenza: Brusago (Altopiano di Piné)
Re:[LAGORAI] Monte Croce m 2490 da Malga Stramaiolo
« Risposta #1 il: 14/08/2020 10:03 »
Bel giro, sono posti che conosco a memoria visto che li ho qua sopra la testa, sempre bellissimi. Mi ha incuriosito il rock glacier, visto molte volte ma senza farci particolarmente caso perché mi pareva il solito un cedimento franoso. Come lo distingui appunto, da uno smottamento? Immagino sia un rock glacier fossile?
« Ultima modifica: 14/08/2020 10:05 da AGH »

Offline AGH

  • Administrator
  • *****
  • Post: 20.561
  • Sesso: Maschio
  • AGH
  • località di residenza: Brusago (Altopiano di Piné)
Re:[LAGORAI] Monte Croce m 2490 da Malga Stramaiolo
« Risposta #2 il: 14/08/2020 10:14 »
Che mi dici di questi?

Offline SPIDI

  • Hero Member
  • *****
  • Post: 1.402
  • Sesso: Maschio
Re:[LAGORAI] Monte Croce m 2490 da Malga Stramaiolo
« Risposta #3 il: 14/08/2020 13:53 »
Bel giro,  :) e' più' o meno lo stesso giro che avevo fatto molti anni fa la prima volta che ero salito appunto sul Monte Croce  ::)
Ora salgo sempre da Brusago, i tempi sono molto inferiori anche se la distanza e' sui 14/15 km, non avevo mai fatto caso al rock glacier....grazie per avercelo fatto notare...non si finisce mai di imparare :) 
Bisogna andare dove pochi sono andati per vedere   
ciò che pochi hanno visto

Offline bandurko

  • Full Member
  • ***
  • Post: 189
  • Sesso: Maschio
Re:[LAGORAI] Monte Croce m 2490 da Malga Stramaiolo
« Risposta #4 il: 14/08/2020 14:19 »
Bel giro, sono posti che conosco a memoria visto che li ho qua sopra la testa, sempre bellissimi. Mi ha incuriosito il rock glacier, visto molte volte ma senza farci particolarmente caso perché mi pareva il solito un cedimento franoso. Come lo distingui appunto, da uno smottamento? Immagino sia un rock glacier fossile?

Premesso che non è sempre facile distinguere queste forme periglaciali, ci sono alcuni indizi che aiutano nellindividuazione di un rock glacier. Facendo riferimento alle quote in questione, la presenza di queste forme è individuabile esclusivamente su versanti rivolti a settentrione, ma il tratto più caratteristico è dato dalla fronte dell' deposito che si raccorda con un angolo piuttosto pronunciato al terreno circostante, viceversa uno smottamento franoso tende a raccordarsi in modo più graduale.
Altre caretteristiche sono un aspetto piu “ordinato” dei detriti la cui pezzatura risulta più uniforme rispetto ad una frana in cui in genere si trovano massi di dimensioni molto diverse fra loro e la presenz adi rughe sul dorso, a volte longitudinali, altre volte perallele all' andamento della fronte, come evidenziano le foto che hai allegato. Dalle foto satellitari appare poi evidente l'aspetto simile a quello di una “colata” detritica in cui il ruolo della forma non può essere ascritto solamente alla gravità.
Credo, infine, che alle nostre latitudini i rock glacier posti a quote così relativamente basse siano tutti estintI.
Le tre foto che hai allegato direi sono testimonianza di altrettanti rock glaciers. Se non sbaglio uno è nei pressi del lago di Montalon, gli altri dove si trovano?

Offline bandurko

  • Full Member
  • ***
  • Post: 189
  • Sesso: Maschio
Re:[LAGORAI] Monte Croce m 2490 da Malga Stramaiolo
« Risposta #5 il: 14/08/2020 14:23 »
Bel giro,  :) e' più' o meno lo stesso giro che avevo fatto molti anni fa la prima volta che ero salito appunto sul Monte Croce  ::)
Ora salgo sempre da Brusago, i tempi sono molto inferiori anche se la distanza e' sui 14/15 km, non avevo mai fatto caso al rock glacier....grazie per avercelo fatto notare...non si finisce mai di imparare :)

In realtà sono 15 km anche da Stramaiolo: i tempi inferiori sono sicuramente dovuti alla tua superiore velocità di crociera  ;)

Offline AGH

  • Administrator
  • *****
  • Post: 20.561
  • Sesso: Maschio
  • AGH
  • località di residenza: Brusago (Altopiano di Piné)
Re:[LAGORAI] Monte Croce m 2490 da Malga Stramaiolo
« Risposta #6 il: 14/08/2020 16:23 »
Le tre foto che hai allegato direi sono testimonianza di altrettanti rock glaciers. Se non sbaglio uno è nei pressi del lago di Montalon, gli altri dove si trovano?

In ordine: Passo Manghen, Pala del Becco, Stellune (l'unico rivolto a sud)

Offline Pistacchio

  • Hero Member
  • *****
  • Post: 678
  • località di residenza: Madrano
Re:[LAGORAI] Monte Croce m 2490 da Malga Stramaiolo
« Risposta #7 il: 18/08/2020 20:00 »
Di  rock glaciers ce ne sono parecchi, uno molto grande è sotto Hoamonder, idem sasso rotto anche se questo è "mimetizzato" da crolli normali, Notevole anche quello sotto valpiana-cima bortolo