Autore Topic: Monte Corno Battisti da Valmorbia  (Letto 17778 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline Hoce

  • Newbie
  • *
  • Post: 43
  • Sesso: Maschio
  • località di residenza: Rovereto
Monte Corno Battisti da Valmorbia
« il: 04/07/2013 16:07 »




« «Primo sempre ai cimenti, personificazione vera delle più elette virtù militari, con alto spirito di sacrificio, di abnegazione e di coraggio pose piede per primo sulla insidiosa e inaccessibile vetta di Monte Corno. Con una scalata che ebbe del prodigioso, e che solo quattro dei suoi arditi poterono con lui superare, sotto i vigili occhi delle vedette nemiche, riuscì audacemente a piombare sul numeroso presidio col quale ingaggiò violento corpo a corpo. Nessuno dei nemici fu salvo, i più furono uccisi, e nella mischia rotolarono giù nei dirupi: sei ne catturò compreso l’ufficiale comandante di presidio. Fattosi poscia seguire da forte nucleo dei suoi, si affermò saldamente sulla posizione». Monte Corno 13.5.918 Disp.46 del 26 luglio 1918. »

Motivazione al confermento al tenente Carlo Sabatini della medaglia d'oro al valor militare


Il Monte Corno Battisti è una modesta cima (1778 m.s.l.m.) del massiccio del Pasubio che incombe con la sua mole sui sottostanti paesi di Valmorbia e Anghebeni.
Come nel resto del gruppo montuoso anche su questa vetta sono numerosissime le testimonianze e le fortificazioni risalenti al primo conflitto mondiale, in particolare come evidenziato dal suo nome alle vicende legate al noto irredentista trentino Cesare Battisti.
Negli anni recenti il sistema di gallerie scavato nella montagna è stato riportato alla luce grazie al lavoro di numerosi volontari ed il sentiero attrezzato che le percorre è stato intitolato dalla SAT di Rovereto a Franco Galli.

Numerosi sono i possibili accessi a questa cima, alcuni lunghi e faticosi altri meno: Pozzacchio, rif. Lancia, Anghebeni e Valmorbia, noi scegliamo di approcciarla da questo versante risalendo la Val di Grobe.

Parcheggiata l'automobile a Valmorbia seguiamo le indicazioni per la località Tezze dove giungiamo in breve, qui la strada si fa prima forestale poi ripido sentiero che risale direttamente la Val di Grobe (n° 122).
La salita è dura e ripida ed il fondo composto da foglie e rami non aiuta di certo, finalmente dopo un paio d'ore sbuchiamo alla Sella di Trappola dove gli alberi si aprono permettendo di spaziare sulle vette del Pasubio e del Carega.
Qui cominciano anche le prime testimonianze della Grande Guerra: qualche resto metallico, trincee invase da fogliame, alcuni ricoveri scavati nella roccia.




Il verticale 122




Alla sella di Trappola si apre la vista



Alla Sella il sentiero si unisce a quello proveniente da Anghebeni e da Cà d'Austria (n° 122B), si segue l'indicazione Corno Battisti e superato un altro breve strappetto si giunge all'inizio del tratto attrezzato.




Vista verso la Vallagarina




Vista verso il gruppo del Carega


Ci imbraghiamo e risaliamo due brevi caminetti attrezzati con cordino metallico, entriamo nella prima postazione scavata nella roccia e quindi un terzo breve tratto verticale con cordino prima di giungere al famoso Cappello di Pulcinella.



A qualcuno tocca quasi andare a carponi, altri invece...


Seguiamo le indicazioni e risalita una scalinata attrezzata ed un ballatoio entriamo nelle postazioni italiane della Grande Guerra, numerose ampie finestre permettono di apprezzare la vista sulla Vallarsa mentre quelle aperte verso la "Spia della Vallarsa" sono quasi delle feritoie.


Scalinata per il Cappello di PulcinellaFinestra verso Valmorbia


Superata una ampia sala sbuchiamo su un terrazzino panoramico da cui osserviamo il percorso che ci attende, inoltre da qui la vista spazia dalla Vallarsa allo Stivo, per poi allungarsi sull'Adamello e la Presanella ancora imbiancati di neve.




Le finestre della galleria del Leone




Le verticali pareti del monte Corno


Ritorniamo sui nostri passi e prima di proseguire verso il Canalone Battisti deviamo e visitiamo anche i ricoveri scavati sotto al Cappello, qui il casco comincia a tornar utile vista la scarsa altezza della galleria.


Ricoveri sottostanti il Cappello di PulcinellaResti


Se si segue il sentiero la risalita del Canalone è semplice, però appena si appoggia il piede all'esterno della traccia le roccie cominciano a scivolare a valle.
Arrivati alla fine del ghiaione ecco la famosa scala che ci porta all'ingresso della galleria Bocca del Leone, indossata una maglia ed accese le luci delle frontali risaliamo la sdrucciolevole, angusta e fredda galleria.

Questa galleria elicoidale fù ideata dall'alto comando italiano per poter realizzare una camera di scoppio sottostante alle fortificazioni austriache, esattamente come era successo sui vicini Denti del Pasubio.
Le compagnie di zappatori e minatori cominciarono a scavare la montagna nel febbraio del 1918 però, una volta realizzata la camera di scoppio (dove ora si trova la cisterna) e dopo averla pure "caricata", i piani strategici cambiarono e si decise di attaccare la cima con un colpo di mano a sorpresa.


Fregio a ricordo della 33a Compagnia minatori e della 160a Compagnia zappatoriLa scalinata di accesso alla galleria


Nel caso si decidesse di uscire all'esterno dopo poco si incrocia una galleria con la ben evidente indicazione: "uscita", seguendola ci si ritrova sul sentiero che risale il Canalone. Noi invece proseguiamo ad esplorare il sistema di gallerie e continuiamo a salire. Una nuova galleria sulla sinistra riporta più volte le indicazioni: "Pericolo! Galleria crollata!", diamo un'occhiata ma subito torniamo in quella principale.
Arrivati alla cisterna con il fregio 127a Compagnia zappatori (camera di scoppio della mina italiana) seguiamo le indicazioni e raggiungiamo il: "Posto di medicazione", le ampie finestre permettono una splendida vista sulla valle dei Foxi.



Particolari delle gallerie


Ritornati al bivio ci dirigiamo verso il famoso pozzo della carrucola (ancora infissa nella volta) facendo attenzione ai numerosi fittoni arrugginiti nel terreno.
Il pozzo a prima vista fa davvero impressione ma sporgendosi un poco si riesce a vedere la luce di una finestra alcuni metri sotto e lo smarrimento passa.




Verso il pozzo


         
         
Pozzo delle carrucola


Usciti dal sistema di gallerie del sentiero Franco Galli risaliamo in pochi minuti la cima del monte Corno Battisti dove ci fermiamo a lungo.




Monte Testo, Corno, Denti e Palon del Pasubio


Dopo aver pranzato all'ombra di un albero raggiungiamo la selletta Battisti, qui son posti i cippi che ricordano il luogo dove il 10 luglio del 1916 caddero prigionieri gli irredentisti Battisti e Filzi (assieme a numerosi altri alpini del Battaglione Vicenza), un'altra targa ricorda la medaglia d'argento al valor militare sottotenente Luigi Casonato morto durante il medesimo tentativo di conquista della cima del monte.



<<Esempio costante di fulgido valore militare, il 10 luglio 1916, dopo aver condotto all'attacco con mirabile slancio la propria compagnia, sopraffatto dal nemico soverchiante, resistette con pochi alpini fino all'estremo, finché - tra l'incerto tentativo di salvarsi volgendo il dorso al nemico, e il sicuro martirio - scelse il martirio. Affrontò il capestro austriaco con dignità e fierezza, gridando ripetutamente, prima di esalare l'ultimo respiro: Viva l'Italia! E infondendo così, con quel grido e con il proprio sacrifizio, sante e nuove energie nei combattenti d'Italia. (M. Corno di Vallarsa 10 luglio 1916)>>

Motivazione al conferimento della medaglia d'oro al tenente Cesare Battisti


Dalla Selletta Battisti raggiungiamo in breve la Bocchetta dei Foxi dove il bosco lascia spazio ai prati fioriti, ammiriamo lungamente il panorama e poi riprendiamo il cammino verso malga Zocchi, all'epoca della Grande Guerra comando militare di zona austro-ungarico e primo luogo di prigionia del Battisti.




Pascoli di Malga Zocchi




Natrice dal collare a caccia di girini




Malga Zocchi

Giunti all'affollata malga ci fermiamo giusto il tempo per bere una bibita, quindi seguiamo il 119B e saliamo in pochi minuti al Valico del Menderle.




Monte Spil

Imbocchiamo il sentiero 123 verso Valmorbia e cominciamo a pentircene quasi immediatamente, si tratta infatti di una terribile mulattiera italiana che si avvita sotto le verticali pareti del monte Spil. Il sentiero è prima composto da sassi mobili che scivolano sotto la suola appena appoggiato il piede, quindi entrati nel bosco tocca fare attenzione al fondo coperto di foglie: è un attimo trovarsi doloranti con il sedere a terra :D .

Meglio sarebbe sicuramente stato se avessimo optato per allungare o verso Pozzacchio o verso il rif. Lancia (disponendo di un secondo mezzo in loco).

Finalmente rieccoci alle case di Tezze ed in breve a Valmorbia dove ci fermiamo a leggere, dipinti sulla parete di una casa, i versi con cui Montale rievocò la sua esperienza di militare in queste zone:

Valmorbia, discorrevano il tuo fondo
fioriti nuvoli di piante agli asòli
Nasceva in noi, volti dal cieco caso,
oblio del mondo.

Tacevano gli spari, nel grembo solitario
non dava suono che il Leno roco.
Sbocciava un razzo su lo stelo, fioco
lacrimava nell'aria

Le notti chiare erano tutte un'alba
e portavano volpi alla mia grotta.
Valmorbia, un nome, e ora scialba
memoria, terra dove non annotta.
Link alla relazione di JFT sull'escursione al monte Corno Battisti dal paese di Anghebeni:
http://girovagandoinmontagna.com/forums/index.php/topic,1892.msg39777.html#msg39777

Per chi invece volesse maggiori informazioni sulla storia di questa cima:
http://www.comunemaranovalpolicella.vr.it/HTML/biblioteca-bcmv/webphoto/mte-corno/index-mtcorno.htm

<<Vorrei spendere una parola in favore della Natura, dell'assoluta libertà e dello stato selvaggio>> H.D. Thoreau

Online southernman

  • Hero Member
  • *****
  • Post: 1.198
  • Sesso: Maschio
  • località di residenza: Dolo
Re:Monte Corno Battisti da Valmorbia
« Risposta #1 il: 04/07/2013 18:22 »
Molto interessante, conosco della zona solo Cima Palon ed il sentiero delle gallerie. Temo che la necessità dell'imbrago me la precluda però  :( . Caso mai valuterò varianti più facili in zona

Offline Franz

  • Hero Member
  • *****
  • Post: 1.826
  • Sesso: Femmina
Re:Monte Corno Battisti da Valmorbia
« Risposta #2 il: 04/07/2013 20:40 »
Sempre un gran bel giro!  ;)

Offline AGH

  • Administrator
  • *****
  • Post: 20.603
  • Sesso: Maschio
  • AGH
  • località di residenza: Brusago (Altopiano di Piné)
Re:Monte Corno Battisti da Valmorbia
« Risposta #3 il: 04/07/2013 23:59 »
Bellissimo reportage, complimenti. Non ci sono mai stato e mi hai fatto venire la voglia di andarci :)

Offline radetzky

  • Hero Member
  • *****
  • Post: 4.890
  • Sesso: Maschio
Re:Monte Corno Battisti da Valmorbia
« Risposta #4 il: 05/07/2013 10:33 »
Bellissimo reportage, complimenti. Non ci sono mai stato e mi hai fatto venire la voglia di andarci :)

quoto: storicamente molto interessante !
quando che le pegore le va a destra.. mi vago a sinistra. e quando le va a sinistra mi vago a destra !

Offline Hoce

  • Newbie
  • *
  • Post: 43
  • Sesso: Maschio
  • località di residenza: Rovereto
Re:Monte Corno Battisti da Valmorbia
« Risposta #5 il: 05/07/2013 10:48 »
Molto interessante, conosco della zona solo Cima Palon ed il sentiero delle gallerie. Temo che la necessità dell'imbrago me la precluda però  :( . Caso mai valuterò varianti più facili in zona

Puoi sempre arrivare da malga Zocchi alla Selletta Battisti, scendere fino all'imbocco del pozzo della carrucola, lanciare uno sguardo dal basso e poi scendere lungo il ghiaione e visitare solamente le gallerie per poi tornare indietro, in questo caso ti basterebbero caschetto e luce. Comunque guarda che non è nulla di impossibile il pozzo, son poi nemmeno 5 metri di scaletta.

Bellissimo reportage, complimenti. Non ci sono mai stato e mi hai fatto venire la voglia di andarci :)

Che ne dici di organizzarci per una escursione autunnale? Ovviamente da altri sentieri :D
<<Vorrei spendere una parola in favore della Natura, dell'assoluta libertà e dello stato selvaggio>> H.D. Thoreau

Offline pianmasan

  • Hero Member
  • *****
  • Post: 2.771
Re:Monte Corno Battisti da Valmorbia
« Risposta #6 il: 05/07/2013 17:47 »
Puoi sempre arrivare da malga Zocchi alla Selletta Battisti, scendere fino all'imbocco del pozzo della carrucola, lanciare uno sguardo dal basso e poi scendere lungo il ghiaione e visitare solamente le gallerie per poi tornare indietro, in questo caso ti basterebbero caschetto e luce. Comunque guarda che non è nulla di impossibile il pozzo, son poi nemmeno 5 metri di scaletta.

Che ne dici di organizzarci per una escursione autunnale? Ovviamente da altri sentieri :D
Io ci starei subito, posti per me sconosciuti e quindi appetibilissimi!

Offline gabi

  • Hero Member
  • *****
  • Post: 943
  • Sesso: Femmina
Re:Monte Corno Battisti da Valmorbia
« Risposta #7 il: 05/07/2013 18:28 »
 Grande Hoce, itinerario molto interessante,  relazione piacevolissima e belle foto  :).

P.S. Alla salita da Valmorbia, preferisco quella da Anghebeni. Il Sentiero 122 “Franco Galli” non si dimentica  :P, soprattutto se fatto in estate  ;)

Offline Hoce

  • Newbie
  • *
  • Post: 43
  • Sesso: Maschio
  • località di residenza: Rovereto
Re:Monte Corno Battisti da Valmorbia
« Risposta #8 il: 05/07/2013 19:05 »
Io ci starei subito, posti per me sconosciuti e quindi appetibilissimi!
Ma subito: ora...o subito in autunno? :D

P.S. Alla salita da Valmorbia, preferisco quella da Anghebeni. Il Sentiero 122 “Franco Galli” non si dimentica  :P , soprattutto se fatto in estate  ;)

Pur non avendola mai fatta...sono d'accordo con le tue preferenze :D , il 122 e il 123 sono due sentieri atroci per gambe, ginocchia...e pure per il fondoschiena  :-X
<<Vorrei spendere una parola in favore della Natura, dell'assoluta libertà e dello stato selvaggio>> H.D. Thoreau

Offline pianmasan

  • Hero Member
  • *****
  • Post: 2.771
Re:Monte Corno Battisti da Valmorbia
« Risposta #9 il: 05/07/2013 20:29 »
Ma subito: ora...o subito in autunno? :D

Pur non avendola mai fatta...sono d'accordo con le tue preferenze :D , il 122 e il 123 sono due sentieri atroci per gambe, ginocchia...e pure per il fondoschiena  :-X
In autunno.

Offline SPIDI

  • Hero Member
  • *****
  • Post: 1.416
  • Sesso: Maschio
Re:Monte Corno Battisti da Valmorbia
« Risposta #10 il: 06/07/2013 06:53 »
Molto interessante, conosco della zona solo Cima Palon ed il sentiero delle gallerie. Temo che la necessità dell'imbrago me la precluda però  :( . Caso mai valuterò varianti più facili in zona

Complimenti al autore per le foto e la relazione  :)
Il precorso sarebbe fattibile anche senza l' uso del imbrago perché è molto facile ma si sa,  dipende sempre dalle capacità individuali di chi lo fa  :)

La storia ufficiale non racconta che il grande eroe del irredentismo trentino si era nascosto sotto i cadaveri dei suoi commilitoni caduti durante la battaglia, fu "tradito " da un suo commilitone il quale rivelo agli austriaci dove si era nascosto
« Ultima modifica: 06/07/2013 06:59 da SPIDI »
Bisogna andare dove pochi sono andati per vedere   
ciò che pochi hanno visto

Offline gabi

  • Hero Member
  • *****
  • Post: 943
  • Sesso: Femmina
Re:Monte Corno Battisti da Valmorbia
« Risposta #11 il: 21/10/2013 22:06 »
In autunno.

Andato  :)?

L’autunno dà una pennellata di colore a questo giro e secondo me è il periodo migliore.
Sabato scorso  sono andata anch’io. Ho incontrato solo 2 cacciatori  >:( e ho visto tanti camosci  :D.
Per raggiungere il Corno Battisti, consiglio il sentiero 122b (che parte da Anghebeni), una variante più riposante al tratto iniziale del 122 – Franco Galli (che inizia a Valmorbia).
Il 122b parte dopo l’abitato di Anghebeni (arrivando da Rovereto), prendendo una stradina asfaltata a sinistra. Si può procedere con l’auto per un km circa, fino a Cà d'Austria dove ci sono alcuni posti auto. Qui si prende a sinistra (direzione nord) il 122b, mentre procedendo dritti si risale la Val di Foxi (102).



Quota 1360 circa



Area disboscata nei pressi della baita




Il sentiero 122b si ricongiunge con quello proveniente da Valmorbia




M.Corno Battisti dal Cappuccio di Pulcinella (1550 m)




Gradinata che scende dal ballatoio panoramico



Inizia la parte più interessante del percorso













Vista dal Corno Battisti (Roite, Denti, Cima Palon)




M.Testo (a sx)



M.Corno Battisti dalla Selletta Battisti (tra le nebbie che vanno e vengono)


Arrivata a Bocchetta Foxi, ho proseguito fino a Bocchetta delle Corde (direzione est) e da lì brevemente sono arrivata al Rif. Lancia (segn. 102).







Per evitare la stessa via dell’andata, sono tornata a Bocchetta dei Foxi passando per il M. Testo (anello superiore della traccia). Da lì giù per la Val di Foxi (segn. 102) con la luce della frontale (messa nello zaino vista l’ora della partenza  - h 13.00).
Volendo accorciare il giro, dal M. Corno Battisti si scende prima a Bocchetta Foxi e dopo la Val di Foxi senza girovagare  :P






« Ultima modifica: 22/10/2013 00:13 da gabi »

Offline AGH

  • Administrator
  • *****
  • Post: 20.603
  • Sesso: Maschio
  • AGH
  • località di residenza: Brusago (Altopiano di Piné)
Re:Monte Corno Battisti da Valmorbia
« Risposta #12 il: 22/10/2013 22:17 »
bellissimo, belle anche le foto. Mi hai fatto voglia di andarci, ci sono passato vicino varie volte ma il Corno non l'ho mai visto, se il tempo tiene ci fo un giro prima che nevichi :)

Offline eagles

  • Newbie
  • *
  • Post: 13
  • località di residenza: rovereto tn
Re:Monte Corno Battisti da Valmorbia
« Risposta #13 il: 23/10/2013 21:27 »
son salito da entrambe le parti e anche dai ghiaioni ripidissimi che sono sulla sx guardando dall'alto ,non lo rifarei piu', un passo avanti e il movimento del ghiaione che ti riporta indietro di due :-\
p.s. mi spiace ma le mie foto sono troppo grandi e non si riesce di caricarle :-\

Offline JayKay

  • Newbie
  • *
  • Post: 5
  • località di residenza: Mira
Re:Monte Corno Battisti da Valmorbia
« Risposta #14 il: 03/10/2018 12:19 »
Scusate ma non riesco a vedere le foto del primo post.....sono solo io che non le vedo oppure non ci sono proprio? grazie