ARGOMENTI MONTANARI > Multimedia montagna

Keinwunder, l'alpinista che non arrivava mai in cima

<< < (2/3) > >>

kobang:
Il fantomatico,o meglio fantasioso personaggio di "Keinwunder" è la metafora della triade  lotta-conquista-rinuncia.
Alla rinuncia, che nel film viene proposta come un'obbligo etico,un'obbedienza interiore,non si deve dare un'accezione di assoluta positività;lo stesso vale per la conquista,che non può essere scontata o positiva in assoluto.
Il tutto mi ricorda la "rivolta" intellettuale verso l'alpinismo della "vittoria sulla vetta",l'"alpinismo eroico",concetti cari alla cultura germanica,quella almeno che poi trovò la massima espressione col nazionalismo prima e con nazismo e fascismo poi.
Personalmente cerco di arrivare in cima,per godermi il panorama,perchè lo vedo come la conclusione del progetto,perchè la vetta ha sempre un particolare fascino che ognuno vive a suo modo.
Il tema di Keinwunder,che per me resta da interpretare con la traduzione letterale "Non c'è da meravigliarsi",propone tante riflessioni,magari piacevoli da affrontare in compagnia,in baita, con un buon bicchiere sul tavolo!
E' bello il modo in cui il racconto propone prima una figura concreta,con tanto di citazioni anagrafiche e biografiche,per poi portarti ad un finale visionario e quasi dissacrante,costringendoti anche a riflettere su come una verità credibile possa essere costruita ad arte e diffusa fino a consacrarne l'autenticità.

Paolo Mulazzani:
Ma e' un finto documentario, uno scherzo!!!!
O no?

kobang:
E una allegoria,una storia ben costruita che vuole comunicare una sua "morale".Questa almeno la mia convinzione
Il protagonista potrebbe anche essere ispirato a qualche alpinista reale,ma tutta la ricostruzione documentaristica allude alla narrazione di fantasia...

Man:
Mi e' piaciuta la combinazione di temi profondi e umorismo: il 'progetto ultravetta' per il Campanil Basso in reazione allo scherzo che gli hanno tirato mi ha fatto morire dal ridere  :)

Paolo Mulazzani:
Ancora piu' bello e' leggere nei titoli di coda il nome della ammaestratrice dello Yeti, che "non e' stato mai maltrattato, anzi"
 ;D

Navigazione

[0] Indice dei post

[#] Pagina successiva

[*] Pagina precedente