Autore Topic: Nuovo bivacco CAI, nella casermetta della cittadella sul Monte Tudaio.  (Letto 877 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline simonegirar

  • Sr. Member
  • ****
  • Post: 348
  • Sesso: Maschio
  • Su co le récie in montagna!!!!
  • località di residenza: Scurelle (TN)
Da newsletter CAI, segnalo se interessa, un articolo riguardante il progetto di costruire quanto in oggetto da parte del CAI di Vigo di Cadore, chiedendo fondi per ottenere questo.

La segnalazione l'ho messa, sia perchè non conosco la zona e non so quanto popolosa è in termini di bivacchi, vista anche la recente discussione a riguardo in questo sito, ed anche perchè dall'articolo il progetto non sembra, apparentemente stravolgere l'architettura della casermetta, a parte le onduline probabilmente in acciaio, che forse non corrispondono alla verità storica, non mi pare ci siano apparenti stravolgimenti.
Unica nota, da l'impressione di avere più finalità turistiche il recupero delle opere militari, più che conservazione delle stesse.
Rispetto della eventuale temporanea sosta, cito dall'articolo la definizione delle dimensioni, riportata in uno stralcio:

Citazione
Come ogni bivacco, le sue dimensioni non saranno particolarmente grandi: circa otto metri per tre e mezzo, con otto posti letto, un tavolo e una piccola cucina.

Per il resto rimando alla lettura.


https://www.loscarpone.cai.it/bivacco-vecchio-forte-grande-guerra/
Libero come il software che uso.

Offline pianmasan

  • Hero Member
  • *****
  • Post: 2.850
Grazie dell'informazione.
Mi sto orientando verso una filosofia del "non toccare più niente", a meno di pericolo di crolli e rischio per chi ci transita.
Sarà forse perché sono passato più volte all'Herta Miller Haus dopo il cosiddetto restauro... :(

Offline southernman

  • Hero Member
  • *****
  • Post: 1.205
  • Sesso: Maschio
  • località di residenza: Dolo
Probabilmente l'intento è di favorire la frequentazione di una zona poco visitata delle Dolomiti Venete. Non conosco il forte, anche se so dov'è la zona, so che c'è una mulattieta molto erta per arrivarci, cosa che manterrà le frequentazioni comunque sotto un limite fisiologico

Offline AGH

  • Administrator
  • *****
  • Post: 20.740
  • Sesso: Maschio
  • AGH
  • località di residenza: Brusago (Altopiano di Piné)
Grazie dell'informazione.
Mi sto orientando verso una filosofia del "non toccare più niente", a meno di pericolo di crolli e rischio per chi ci transita.
Sarà forse perché sono passato più volte all'Herta Miller Haus dopo il cosiddetto restauro... :(

anche io dico "basta metter mano" e sconciare ogni cosa. Se prima ero talebano, ora lo sono ancora di più  ;D: Per quel che mi riguarda, farei volentieri anche a meno dei rifugi, che inquinano. Salverei forse i bivacchi
« Ultima modifica: 10/01/2022 11:59 da AGH »
Blog di Montagna
https://www.fotoagh.it/