Autore Topic: [BONDONE] Magica "Rosta" nella nebbia e nella luce  (Letto 5532 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline AGH

  • Administrator
  • *****
  • Post: 20.613
  • Sesso: Maschio
  • AGH
  • località di residenza: Brusago (Altopiano di Piné)

Salita verso la Rosta

Visto il pericolo valanghe ancora concreto e la neve “difficile”, si opta per un percorso collaudato e non troppo impegnativo: la Rosta 1832 sul M. Bondone. Siamo incoraggiati anche dalle previsioni meteo che prevedono schiarite e soleggiato dalla mattinata.


Altro che schiarite, le nebbie incombono

Partiamo tardi ma il tempo domenica 9 febbraio è orribile: piove in fondovalle e di schiarite neppure l’ombra. Arrivati sul posto alle Viotte, ecco lo shock di un innevamento mai visto. La strada è fiancheggiata da due muraglie di neve alte oltre i 2 metri, a volte anche 3. La solita partenza al tornante a NO delle Viotte è improponibile: la stradella è totalmente sepolta dalla neve. Poiché una parte percorre con un traversone il versante ripido sopra la strada, scartiamo subito l’ipotesi. Scendiamo poco più a valle al tornante successivo, sotto la Chiesetta degli Alpini, ma anche qui la neve ha cancellato ogni traccia del percorso che abbiamo in mente. Il paesaggio è senza dubbio fiabesco ma sono scomparsi sotto la neve anche i cartelli del sentiero SAT 618, figuriamoci il sentiero.


Il paesaggio è fiabesco

Decidiamo comunque di provare ad andare sfruttando uno stradello intravisto nel bosco. In uno slargo vicino alla chiesetta parcheggiamo l’auto e affrontiamo subito la prima seria difficoltà: arrampicare, dalla strada, la muraglia di neve che ci separa dal manto nevoso sopra la sede stradale di quasi 3 metri. Nei pressi della chiesetta calziamo le ciaspole ma dopo pochi passi ci rendiamo subito conto che sarà una fatica infame. Ci sono almeno 60 cm di neve fresca e le ciaspole affondano inesorabilmente.


Si va nel bianco, quasi alla cieca

Cerchiamo di seguire lo stradello, dopo una mezz’ora vediamo perfino un incoraggiante segno del sentiero 618 su un albero (sarà l’unico visto in tutta la giornata!). L’innevamento mostruoso ha sepolto ogni traccia, quindi si va su a intuito per il bosco a tratti ripido e ovviamente faticosissimo. A quota 1600 troviamo una serie di radure che conoscevo e un colpo di fortuna: una vecchia traccia che proviamo a seguire. Questa però segue per un po’ la falsariga del 618 quindi l’abbandona per salire sulla dorsale per loc. Cavizani. Meglio seguire una vecchia traccia -ci diciamo- piuttosto che aprirne una nuova in 60 cm di neve fresca piuttosto pesante. Infatti per un po’ così facciamo, quando arriviamo su una spianata però la traccia si perde e ci ritroviamo a procedere “a panza” nella neve fonda. Nel frattempo cala un nebbione micidiale e inizia a nevicare. Non si vede più niente.


Calano le nebbie

Tiro fuori il cello col GPS e ci aiutiamo con quello. Non so come avremmo fatto senza. La nevicata comincia a diventare tormenta, un vento gelido da nord ci sferza. Ci copriamo con giacche e cappucci per ripararci dalla neve e dal freddo. La visibilità cala a 10 metri massimo. Iniziamo a dubitare di poter proseguire, è anche pericoloso salire senza vedere nulla di quello che ci sta intorno. Forse, pensiamo, dovremo tornare indietro per la stessa via dell’andata, percorrendo la nostra traccia a ritroso. Ci fermiamo un po’ ad aspettare per vedere se il tempo migliora. Qualche fuggevolissima schiarita con visibilità 50-100 m e il gps ci aiutano a proseguire alla meno peggio e a ricongiungerci col sentiero 618, comunque del tutto invisibile sotto metri di neve. In qualche maniera rimontiamo la dorsale superando alcuni tratti ripidi nel bosco. Dopo  una mezzora buona che camminiamo nel nulla, cioé in un biancore indefinito che ci avvolge completamente, il GPS ci avvisa che siamo ormai a fianco della cima.


Uno squarcio nelle nebbia proprio quando arriviamo in cima

Ci spostiamo allora verso ovest e troviamo una traccia di salita che ci conduce facilmente con un piccolo strappetto fino alla cima della Rosta m 1832, col cartello e il palo tutti incrostati di ghiaccio. La breve salita esposti al vento ci ha gelato metà della faccia. Ci sono degli squarci verso la Valle dei Laghi, ma contrariamente a quanto supponevamo la perturbazione che ci ha investito è molto estesa e avvolge tutte le cime circostanti fino in quota. Qualche foto veloce e via.


In vetta alla Rosta, quasi congelati...

Un quarto d’ora dopo accade il miracolo: quando siamo poco sotto la vetta il cielo inzia ad aprirsi, le spianate sotto la Rosta a inondarsi di sole. E’ fantastico. Ci fermiamo ad aspettare: le nuvole si aprono ed appare uno squarcio azzurro che si ingrandisce sempre più.


Le nubi si aprono inaspettatamente...


Affacciati sulla valle dei Laghi

Lame di luce illuminano le Tre Cime davanti a noi, che emergono splendenti tra le nebbie. Verso NO appare la cima della Rosta appena discesa e, dietro, le cime delle Dolomiti di Brenta, a est spunta la piramide del Palòn.


Spunta il Cornetto dalla nebbie...


La malga del Manuele sul crinale...


La Rosta, sullo sfondo il Brenta


Le Tre Cime emergono dalle nebbie!

Restiamo incantati da questa visione sublime che ci premia per lo sforzo fatto fin qui, e ci fermiamo una buona ora ad ammirare i panorami e fare foto. Le nuvolaglie e le nebbie si muovono a gran velocità cambiando continuamente un paesaggio che ci lascia a bocca aperta.


Nei pressi della cima de La Rosta


Le Tre Cime splendono al sole: da sx Cima Verde, Doss d'Abramo, Cornetto


Il Palòn


Ultimo sguardo all'indietro la Rosta a sx, il Palon a dx


Il Brenta sullo sfondo, a dx La Rosta


Sulla strada del ritorno verso Bocca di Vaiona, sullo sfondo Le Tre Cime

Arriva purtroppo il momento di scendere. Caliamo rapidamente alla Bocca di Vaiona, il traccione che arriva dalle Viotte è ben “pestolato”, togliamo le ciaspe e via di ramponcelli fino alla piana dove raggiungiamo la strada provinciale. Leviamo i ramponcelli e rientriamo per la strada fino alla macchina, dove arriviamo che è quasi buio.


Il percorso

Conclusioni: nonostante l’inizio poco incoraggiante, il meteo è stato alla fine clemente e ci ha salvato la giornata, ancora una volta abbiamo la conferma che chi rimane a casa ha quasi sempre torto :).  Con le attuali condizioni, la marcia nella neve fresca e pesante è molto faticosa: ora che c’è la traccia dovrebbe essere un po’ più semplice. L’itinerario è facile, di impegno fisico modesto ma con grandiosi e bellissimi panorami (meteo permettendo).
Disl. 350 m, sviluppo 10 km
« Ultima modifica: 03/02/2017 10:00 da AGH »

Offline Man

  • Hero Member
  • *****
  • Post: 739
  • Sesso: Maschio
Re:[BONDONE] Magica "Rosta" nella nebbia e nella luce
« Risposta #1 il: 11/02/2014 12:49 »
ancora una volta abbiamo la conferma che chi rimane a casa ha quasi sempre torto :)

Grande verita'!  :)
Aut tace aut loquere meliora silentio (taci o di' cose che siano migliori del silenzio)

Offline Pistacchio

  • Hero Member
  • *****
  • Post: 678
  • località di residenza: Madrano
Re:[BONDONE] Magica "Rosta" nella nebbia e nella luce
« Risposta #2 il: 11/02/2014 13:03 »
Magari si potesse sempre scegliere se uscire!
Ricordo bene quel giro con la neve, a momenti divorziavo!

Offline AGH

  • Administrator
  • *****
  • Post: 20.613
  • Sesso: Maschio
  • AGH
  • località di residenza: Brusago (Altopiano di Piné)
Addirittura? Perché? :)

Inviato dal mio V370 utilizzando Tapatalk


Offline edel

  • vif
  • *****
  • Post: 2.022
  • Sesso: Femmina
  • località di residenza: Vicenza
Re:[BONDONE] Magica "Rosta" nella nebbia e nella luce
« Risposta #4 il: 11/02/2014 14:18 »
Che spettacolo di foto !!!  :)

Offline polp960

  • Newbie
  • *
  • Post: 31
  • Sesso: Maschio
Re:[BONDONE] Magica "Rosta" nella nebbia e nella luce
« Risposta #5 il: 11/02/2014 14:56 »
Spettacolare!
complimenti per le foto...:)

Offline climbalone

  • Sr. Member
  • ****
  • Post: 335
  • Sesso: Maschio
  • località di residenza: Trento
Re:[BONDONE] Magica "Rosta" nella nebbia e nella luce
« Risposta #6 il: 11/02/2014 15:00 »
Magia!!!
Io e walktogether eravano più a est, purtroppo, e le schiarite sono arrivate solo verso l'imbrunire, per cui abbiamo ciaspolato sotto un cielo denso di nubi e, a tratti, sotto i fiocchi di neve. Ma in compenso ho scoperto cosa sono le "giuseppine"! (frittelle ripiene di crema)
Quindi confermo: a restare a casa quasi sembre si sbaglia...
 :D

Offline AGH

  • Administrator
  • *****
  • Post: 20.613
  • Sesso: Maschio
  • AGH
  • località di residenza: Brusago (Altopiano di Piné)
Più a est dove?

Inviato dal mio V370 utilizzando Tapatalk


Offline climbalone

  • Sr. Member
  • ****
  • Post: 335
  • Sesso: Maschio
  • località di residenza: Trento
Citazione da: AGH
Più a est dove?

La "Via Cavallera", che da Canale d'Agordo sale verso Falcade / Molino, in Valle del Biois.

Offline Pistacchio

  • Hero Member
  • *****
  • Post: 678
  • località di residenza: Madrano
Addirittura? Perché? :)

Inviato dal mio V370 utilizzando Tapatalk

Il perché uscire è facile, domenica non ero in forma.....
Per il divorzio, e senza fare tutto il giro ma accorciandolo un attimo, con neve battutissima nel ritorno ha avuto un cedimento e non riusciva quasi più a proseguire....

Offline AGH

  • Administrator
  • *****
  • Post: 20.613
  • Sesso: Maschio
  • AGH
  • località di residenza: Brusago (Altopiano di Piné)
Re:[BONDONE] Magica "Rosta" nella nebbia e nella luce
« Risposta #10 il: 12/02/2014 09:43 »
Comunque la Rosta è un'ottima meta, facile e ultrapanoramica, anche da fare in mezza giornata, si può raggiunge dal tornante sotto la chiesetta percorrendo le sue belle dorsali ma anche, più semplicemente e brevemente, partendo direttamente dalle Viotte.

Offline climbalone

  • Sr. Member
  • ****
  • Post: 335
  • Sesso: Maschio
  • località di residenza: Trento
Re:[BONDONE] Magica "Rosta" nella nebbia e nella luce
« Risposta #11 il: 20/02/2014 18:52 »
Grazie per lo spunto, AGH, oggi con walktogether siamo andati proprio là, tra l'altro illusi da una previsione meteo di "parzialmente sereno" che non si è avverata. Ma la gita è stata comunque piacevole.
Posto solo una foto, giusto per permettere di apprezzare la straordinaria differenza cromatica rispetto alla giornata che ci hai illustrato con le tue immagini:

Oltre alla coltre nuvolosa, ha senz'altro influito la spiccata colorazione rosa-beige della superficie nevosa, dovuta alle sabbie desertiche depositate di recente.

Offline AGH

  • Administrator
  • *****
  • Post: 20.613
  • Sesso: Maschio
  • AGH
  • località di residenza: Brusago (Altopiano di Piné)
Re:[BONDONE] Magica "Rosta" nella nebbia e nella luce
« Risposta #12 il: 20/02/2014 21:09 »
Grazie per lo spunto, AGH, oggi con walktogether siamo andati proprio là, tra l'altro illusi da una previsione meteo di "parzialmente sereno" che non si è avverata. Ma la gita è stata comunque piacevole.

be' dai il tempo non era così male. Ma avete fatto il nostro giro o siete saliti direttamente dalle Viote?

Offline climbalone

  • Sr. Member
  • ****
  • Post: 335
  • Sesso: Maschio
  • località di residenza: Trento
Re:[BONDONE] Magica "Rosta" nella nebbia e nella luce
« Risposta #13 il: 20/02/2014 21:57 »
Siamo saliti dalle Viote, non abbiamo fatto tutto il giro.
Riguardo al tempo, ahimè devo dissentire. Il sole è filtrato ben poco e per ben poco tempo attraverso lo spesso e scuro strato di nubi, e c'era un vento non particolarmente forte ma molto fastidioso. Ho il dente molto avvelenato con il meteo in questo periodo, non sta concedendo nulla di buono tranne rare e sparse giornate, peraltro regolarmente infrasettimanali. Cosa deve fare un povero escursionista per tenersi allenato? Tapis roulant? Piscina? Cyclette?
 :(
Chiedo scusa per lo sfogo... dicono che sono un po' meteoropatico... credo che abbiano ragione...
« Ultima modifica: 20/02/2014 21:59 da climbalone »

Offline Alan

  • Hero Member
  • *****
  • Post: 3.888
  • Sesso: Maschio
  • località di residenza: Caden
Re:[BONDONE] Magica "Rosta" nella nebbia e nella luce
« Risposta #14 il: 21/02/2014 12:32 »
squat, esercizio con elestici, scialpinismo su pista.