Autore Topic: Palaronda Ski Alp - pale di san martino  (Letto 1949 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

donkey71

  • Visitatore
Palaronda Ski Alp - pale di san martino
« il: 28/03/2009 11:07 »
Neve, libertà e silenzio. Fuori dai percorsi tracciati, lontano dalla folla e vicino alla natura. Questo è lo sci alpinismo, una disciplina che trova sempre più sostenitori tra gli appassionati di montagna. I più competitivi e i più allenati possono partecipare alla competizione che farà il suo esordio domenica 5 aprile al cospetto delle Pale di San Martino. La Palaronda Ski Alp, questo il nome, richiamerà tantissimi atleti non solo per il percorso suggestivo e incontaminato che si addentra nel territorio del Parco Naturale Paneveggio-Pale di San Martino, ma anche perché si tratta della penultima tappa della Coppa delle Dolomiti, il circuito di settore più seguito in Italia. La partenza e il traguardo di questa gara sono collocate nel centro di San Martino di Castrozza (alle ore 8.30).
I concorrenti, quindi, saliranno lungo la pista fino alla stazione intermedia della funivia Colverde per poi dirigersi verso alcuni ghiaioni e imboccare a piedi, con gli sci agganciati sullo zaino, uno stretto e ripido canalino, che sbocca sul margine ovest dell'Altopiano delle Pale di San Martino, da affrontare con i ramponi. Da qui è previsto un piccolo strappo fino alla stazione a monte della funivia (2.600 metri), dove è posto il primo punto di ristoro. 
È il momento della prima discesa, che passa nei pressi del Rifugio Rosetta, poi si continua con un saliscendi fino al Passo Pradidali Alto (2.710 metri). Ancora una calata lungo il pendio che porta fino al Rifugio Pradidali, dove si trova la seconda stazione per rifocillarsi. A questo punto, si torna ad andare su fino al Passo Pradidali Basson e poi si prosegue verso la stazione a valle della cabinovia del Colverde. Negli ultimi chilometri i concorrenti attraversano l'abitato di San Martino di Castrozza fino al Palazzetto dello Sport dove è posto il traguardo. In totale l’itinerario è lungo una ventina di chilometri per circa 1900 metri di dislivello.
Alla prima assoluta di questa manifestazione non mancheranno gli specialisti dello sci alpinismo, tra i quali molti big italiani poiché la competizione è valida anche come tappa della Coppa Italia. Tra tutti sono da citare l’altoatesino Friedl Mair, il fassano Martin Riz, la nonesa Orietta Calliari, e, da fuori regione, la valtellinese Silvia Rocca e il bergamasco Pietro Lanfranchi.