Autore Topic: [MONZONI] Giro della Val Jumela e salita al Col Bel m 2436  (Letto 5930 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline AGH

  • Administrator
  • *****
  • Post: 20.613
  • Sesso: Maschio
  • AGH
  • località di residenza: Brusago (Altopiano di Piné)

Veduta "patagonica": dalla cima Col Bel verso il crinale con Cima Aut, sullo sfondo Gran Vernel, Marmolada, il Gruppo di Cima Uomo

Penso di aver visto tanti posti meravigliosi in vita mia ma quando sono salito per la prima volta sul Col Bel 2436 in Val Giumela sono rimasto letteralmente a bocca aperta: è uno dei luoghi più belli che abbia mai visto. Domina un piccolo altopiano ultrapanoramico al centro delle Dolomiti con vista su Latemar, Monzoni, Catinaccio, Sassolungo, Sella e, last but not least “la Regina”, la Marmolada. Sembra un paesaggio della Patagonia. Meraviglioso. L’unica nota stridente purtroppo è l’impianto di sci in Val Giumela che per fortuna, dalla cima, non si vede.


Anticima del Col Bel, il cui crinale si intravede sulla destra


Vista verso le Pala de Mesdi nel Gruppo del Catinaccio


Sopra Malga Jumela, il Ciamp de Poza con vista sul Gruppo del Catinaccio

In una escursione precedente al Col Ombert per il Sentiero Pederiva avevo visto sul lato settentrionale della Val Jumela queste meravigliose distese erbose in alta quota. Già allora mi ero detto: devo tornare! Quest’inverno senza neve è l’occasione giusta. Parcheggio a Pera di Fassa presso il Pont da Picioca a quota 1327 e parto per la strada forestale con segnavia 644 che si inoltra in Val Jiumela per una stretta gola, aggirando a sud il Sas de Pere da Fech 2125. Arrivo senza difficoltà a Malga Jiumela 1978 dove il paesaggio si apre e abbandono il sentiero ufficiale che risale per il fondovalle. Risalgo per una esile traccia il magnifico Ciamp de Poza, un pascolo punteggiato di baite, puntando alla cresta che raggiungo senza problemi.


Malga Jumela, col crinale che conduce al Col Bel a dx


Veduta verso il Catinaccio d'Antermoia


Eccomi sul crinale, verso il Catinaccio

I versanti erbosi sono assai ripidi e infidi per l’erba alta e secca, ma stando sul panoramico crinale c’è una discreta traccia che conduce per l’ondulato filo di cresta fino alla vetta dello spettacolare Col Bel m 2436: di una bellezza commovente. Resto senza fiato a rimirare i grandiosi panorami che si perdono all’orizzonte, coi profili del Gran Vernel e della Marmolada che si stagliano sontuosi e solenni. L’idea è di continuare per le creste fino alla Sella Brunech 2428.


Vista verso il Sella


Quasi in vetta, uno sguardo indietro al crinale percorso


In vetta al Col Bel, coi magnifici altopiano erbosi


Zoomata verso Gran Vernel e Marmolada

Attraverso questi magnifici pianori erbosi calando leggermente di quota fino alla Sela de Ciamò 2354, quindi attacco il crinale che da lontano mi aveva fatto un po’ preoccupare: per fortuna esiste una traccia che dà buona sicurezza e soprattutto è senza neve o ghiaccio. In alcuni tratti il crinale è leggermente esposto e comunque NON bisogna inciampare perché i versanti ai lati sono molto ripidi.


Vista sul Sella sullo sfondo e La Crepa Neigra a dx


Attraverso le praterie mi dirigo verso il crinale che conduce a Cima Aut


Eccomi sul crinale: sguardo indietro al Col Bel in fondo


Vista su Cima Uomo, in basso il crinale verso il Sentiero Pederiva

Con un minimo di attenzione ma senza problemi percorro tutto il crinale fino a Cima L’Aut quota 2490. Calo quindi senza difficoltà alla Sella Brunech 2428, dove dei poveri sciatori si ostinano a sciare penosamente sulle strisce di “carta igienica” (le strisce di neve artificiale).


Da Ciam Aut discesa verso Sella Brunech


Eccomi sull'altro versante: a dx Sella Brunech, sullo sfondo il crinale di Cima Aut, dietro spunta il Sassolungo


Il crinale del sentiero Pederiva verso il Col Ombert

A questo punto pensavo di scendere per il fondovalle ma siccome la vista della pista mi urta assai, decido che, già che ci sono, di fare anche il crinale meridionale della Val Jumela. Risalgo l’elevazione opposta sopra la Sella Brunech e quindi, sempre per il filo di cresta, torno verso ovest fino al Sass de Adam 2430 verso gli impianti del Buffaure.


Vista sulla Val Nicolò


Verso gli impianti del Buffaure, con l'ultimo strappo al Doss de l'Adam


Dal Doss de l'Adam ultimo sguardo verso il Col Bel a dx


E' anche il Doss de l'Adam è scollinato, ora scendo verso gli impianti del Buffaure

Qui le cose iniziano a complicarsi: il sentiero scompare sotto le piste, gli scavi e i piloni. Scendo fino al Rif. Buffaure e qui ho l’infelicissima idea di scendere a sud per il sentiero 643 anziché rientrare in val Giumela a nord come avevo previsto. Da qui in avanti l’escursione è da dimenticare :( . La pista ha inghiottito il sentiero e sono costretto a scendere per un tratto tra gli sciatori, col rischio di prendermi una multa, poi per un tratto di pista chiusa che è un budello ripido e ghiacciato, abbastanza pericoloso.


Dopo aver percorso tutto il crinale taglio giù per i prati e le piste desolatamente senza neve...

Metto i ramponcelli e scendo in qualche maniera, un po’ sulla pista e un po’ ravanando ai bordi quando possibile. Insisto a scendere, forte del fatto che il gps e la carta Kompass indicano che sotto c’è il sentiero che dovrei intercettare prima o poi. Dopo una faticosa ravanata nel bosco rognoso a fianco della pista,  al posto del 643 trovo una forestale senza segni o indicazioni, grazie alla quale però riesco a rientrare a valle con un lungo traversone fino a Meida, quindi per prati in mezzo alle piste di fondo fino alla macchina che è buio pesto. Rientro complicato a parte, un giro davvero meraviglioso. Per evitare ll rientro infame, dagli impianti del Buffuaure consiglio di scendere per Val Jomellina a nord anziché sul versante sud.


Il percorso

La Val Giumela si conferma un posto fantastico, anche se è necessario sforzarsi di non guardare alla violenza degli impianti di sci anche in quest’ultimo angolo di paradiso, che era rimasto miracolosamente intatto fino a pochi anni fa. Un incantesimo meraviglioso parzialmente rovinato per fare l’ennesimo e inutile carosello. Disl. circa 1500 coi vari saliscendi, sviluppo 21 km.
« Ultima modifica: 06/01/2016 22:00 da AGH »

Offline nantes

  • Hero Member
  • *****
  • Post: 1.465
  • Sesso: Maschio
Re:[MONZONI] Giro della Val Jumela e salita al Col Bel m 2436
« Risposta #1 il: 12/09/2016 22:49 »
Ieri sono partito con l'idea di ricalcare il tuo giro, parcheggio a Pera di Fassa e salita lungo la forestale, cercando qualche scorciatoia, fino alle baite sopra malga Jiumela; da li lungo la traccia che mi porta in cima al Col Bel;
nell'ultima rampa sotto la cima però iniziano le gocce, sempre più fitte... e dato il tipo di terreno erboso piuttosto ripido ed esposto, e dato anche che ero accompagnato e non volevo correre troppi rischi, ho deciso di rinunciare e tornare indietro.
Decisione saggia perchè arrivato di nuovo sulla forestale è iniziato un diluvio che quasi toglieva il fiato.
Bellissimi posti e penso proprio che lo ritenterò quest'autunno.
Grazie dell'input  :D

Offline AGH

  • Administrator
  • *****
  • Post: 20.613
  • Sesso: Maschio
  • AGH
  • località di residenza: Brusago (Altopiano di Piné)
Re:[MONZONI] Giro della Val Jumela e salita al Col Bel m 2436
« Risposta #2 il: 13/09/2016 01:17 »
Figurati, è un posto fantastico ma va fatto con tempo sicuro per godere appieno dei grandiosi panorami :)

Inviato dal mio LG-D802 utilizzando Tapatalk