Autore Topic: Skialp: Cima Bocche da Nord  (Letto 2245 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline trabuccone

  • vif
  • *****
  • Post: 1.368
  • Sesso: Maschio
  • località di residenza: Verona
Skialp: Cima Bocche da Nord
« il: 24/04/2014 22:24 »
20.04.14

Che Pasqua sarebbe passata davanti ad un banchetto con i famigliari al calduccio nelle propria casa?   ;D Una Pasqua alternativa l'abbiamo vissuta io e l'irriducibile compare Sambo che, mai stanchi delle nostre montagne ancora innevate, ci alziamo alle 3 e fissiamo l'incontro al ristorante Negritella alle 6 e 30 del mattino.
La giornata, nonostante le previsioni meteo non troppo incoraggianti che prevedono l'arrivo delle nuvole già in tarda mattinata, è magnifica, almeno a quell'ora. Alle 7 siamo sci ai piedi ed iniziamo a calpestare la neve indurita dalle rigide temperature notturne


Di mattina poco sopra il Negritella

Passato il tratto di bosco e una balza con rada vegetazione, siamo al cospetto della prima rampa del canalone: un paio di gruppi ci precedono ma presto li prendiamo. La neve attorno a noi è soffice, segno della recente nevicata, il che ci fa presumere ad una bella sciata nella parte alta.


Sambo in sorpasso, il sole fa capolino da dietro Juribrutto


Alle nostre spalle spunta la Regina

L'ambiente, tra le immense pareti di porfido cristallizzate nella morsa della neve ventata, è severo e meraviglioso. Lasciamo davanti l'ultimo gruppo che sta aprendo la pista. In breve siamo alla forcella Bocche dove il vento e il freddo si fanno sentire.
Ora inizia la parte più ripida del percorso che sinceramente mi aspettavo più semplice. Alcune lastre di neve ventata non danno troppa sicurezza nemmeno agli altri scialpinisti: ci accodiamo, fermi, poco sopra la forcella, aspettando che il primo di loro apra la pista.


In coda

Dopo qualche tentennamento, decidiamo di cambiare via discendendo verso sud dalla forcella per risalire la cresta più sotto dove l'accesso è maggiormente sicuro.


Sambo traccia per arrivare in cresta

Guadagnata la cresta il panorama si apre


Contemplando le Pale di San Martino


Le Pale di San Martino

Risaliamo dunque il crinale, dapprima piuttosto ampio, poi via via più stretto e ventato ma ancora abbastanza percorribile


La cresta da percorrere


Io sulla cresta

Intanto le nuvole stanno risalendo velocemente ma ormai la cima è vicina. Vediamo chiaramente la traccia del gruppetto che ci ha preceduto, è intagliata saggiamente nel ripido pendio con stretti zig-zag: in breve ci ricongiungiamo ad essa.


Si chiude il sipario sulle Pale


Sambo in risalita di una piccola cornice


Io che arranco

Finalmente, superate varie pendenze e balze, siamo sul comodo e ampissimo pianoro della cima, mancano poche decine di metri alla vetta.


Sambo precede..


... e io seguo

Giungiamo in poco tempo alla sommità di Cima Bocche: il capitello è completamente sommerso, nessuna possibilità di firmare il libro di vetta  :) Il panorama, seppur limitato dalle grandi nubi incombenti, è fantastico.


Verso la Marmolada


Foto di vetta

Iniziamo dunque la discesa assieme ad un simpatico istruttore del CAI: la neve, nella parte alta, è molto bella, farinosa e soffice seppur appoggiata ad uno strato di crosta sotto. Scendiamo diretti alla forcella solcando più o meno le tracce degli altri scialpinisti: l'istruttore del CAI si diletta in favolose curve veloci che non esito a fotografare  :)


Gran bella sciata

Da sotto la forcella la situazione peggiora radicalmente: il calore dell'ormai avanzata stagione rende la neve fresca un pappone colloso difficile da sciare, complici le nuvole che appiattiscono la visuale del manto.


Io in discesa

In questo impegnativo momento della sciata, ci rimane il favoloso paesaggio arricchito dalla luce filtrante dalle nuvole


Il pendio e le pareti di porfido


Il contrafforte della nostra cima

Raggiunto il bosco con fatica, lo scendiamo e percorriamo l'ultima radura dove, oltre alla neve-colla, ci tocca far fronte alla crosta appena formata da un rigelo repentino. Distrutti e un pò delusi da quella che doveva essere una sciata in powder, raggiungiamo la macchina contenti, in ogni caso, di una giornata splendida passata in montagna senza provare il benchè minimo rimorso per esserci persi il pranzo pasquale   ;D

Dislivello: 1050 metri
Sviluppo: 10,26 Km
Neve: Fresca nella parte alta, poi gessosa/polenta


per sempre oppressi da desiderio e ambizione c'e' una fame non ancora soddisfatta,
i nostri occhi stanchi ancora vagano all'orizzonte sebbene abbiamo percorso questa strada così tante volte

Offline edel

  • vif
  • *****
  • Post: 2.022
  • Sesso: Femmina
  • località di residenza: Vicenza
Re:Skialp: Cima Bocche da Nord
« Risposta #1 il: 24/04/2014 22:31 »
Che spettacolo !!! :D   Foto stupende, bravissimi !

Offline trabuccone

  • vif
  • *****
  • Post: 1.368
  • Sesso: Maschio
  • località di residenza: Verona
Re:Skialp: Cima Bocche da Nord
« Risposta #2 il: 25/04/2014 08:01 »
Che spettacolo !!! :D   Foto stupende, bravissimi !

Grazie Edel. nuvole e sole hanno aiutato molto  :)
per sempre oppressi da desiderio e ambizione c'e' una fame non ancora soddisfatta,
i nostri occhi stanchi ancora vagano all'orizzonte sebbene abbiamo percorso questa strada così tante volte

Offline AGH

  • Administrator
  • *****
  • Post: 20.603
  • Sesso: Maschio
  • AGH
  • località di residenza: Brusago (Altopiano di Piné)
Re:Skialp: Cima Bocche da Nord
« Risposta #3 il: 25/04/2014 08:43 »
Sempre bella Cima Bocche, non l'ho mai fatta dal passo S. Pellegrrino ma sempre da Malga Valles... Certo da quel versante beccare neve buona è un terno al lotto. O si va subito dopo una nevicata o il versante sud si "incrosta" subito. Oppure si aspetta primavera, come ho fatto l'anno scorso: ma bisogna partire all'alba per scendere presto, entro le 11 massimo altrimenti si scia nella polenta...
« Ultima modifica: 25/04/2014 08:50 da AGH »