TRENTINO > Sviluppo

Le Dolomiti si salvano con la ferrovia

<< < (2/3) > >>

AGH:
Marco Ponti, professore di Economia al Politecnico di Milano ed ex consulente per i trasporti della Banca Mondiale, non usa mezzi termini: "Queste società sono un incubo, una follia gestionale: nessuno dice che il problema principale che ci sono troppi pochi viaggiatori"

Inviato dal mio LG-H815 utilizzando Tapatalk

DDT:

--- Citazione da: AGH - 06/06/2017 08:23 ---Marco Ponti, professore di Economia al Politecnico di Milano ed ex consulente per i trasporti della Banca Mondiale, non usa mezzi termini: "Queste società sono un incubo, una follia gestionale: nessuno dice che il problema principale che ci sono troppi pochi viaggiatori"
--- Termina citazione ---
Direi che ha centrato perfettamente il problema.

Alan:
Ma anche se i viaggiatori corrispondessero a quanto richiesto da un ipotetico piano di fattibilità, i trilioni di motociclisti secondo loro vengono su in treno per fare i passi dolomitici???

kobang:
Vero.Oppure servono amministratori autorevoli e forti capaci di vietare l'accesso a posti particolari se non con i mezzi pubblici.In molti Paesi seri lo hanno fatto,in Europa  e per quanto visto di persona in Nuovazelanda;da noi con le numerose e agguerrite lobbies,con l'abitudine a fare leggi lacunose costruite per essere aggirate e via cantando,la vedo una cosa irreale.

Alan:
Vorrei ricordare solo una cosa, in Austria esiste una bellissima strada che come motociclista sono andato a percorrere, si chiama GlossGlockner Strasse, si paga un pedaggio, è più pulita di casa mia, il traffico c'è ma è regolamentato, tutti convivono bene...
Perchè noi non riusciamo mai a fare qualcosa di serio???
Il giro dei passi è un circuito, come lo è quello in Austria, ricreare una cosa qui da noi es sul Sellaronda??

Fine OT perchè sto un pò sforando!!!

Navigazione

[0] Indice dei post

[#] Pagina successiva

[*] Pagina precedente