Autore Topic: Da Vigolo Vattaro a Becco della Ceriola, girovagando  (Letto 4717 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline PaSo

  • Newbie
  • *
  • Post: 21
  • località di residenza: Lavis, Trento
Il giorno 25 aprile avevo deciso di festeggiare, salendo per la prima volta sulla Vigolana. In particolare, avevo programmato di salire su Cima Vigolana partendo da Vigolo Vattaro, seguendo per la maggior parte il sentiero 450. Poi la giornata è andata in modo un po' diverso, ma mi sono divertito comunque tantissimo.

In breve: partenza da Vigolo Vattaro, loc. Maso Tasin. Seguo il sentiero 450 per un lungo tratto, superando vari bivi. Dopo località Col de la Caura si inizia a trovare un po' di neve a tratti. Arrivo quindi fino a Malga Derocca (chiusa). Da qui in poi la copertura nevosa è continua e piuttosto spessa. Oltrepassata la Malga, a causa della neve alta (e della stanchezza) perdo il sentiero, mi ritrovo in un vallone più o meno sotto la cima del Campigolet. Neve davvero alta e "insidiosa" (come punto di riferimento, alla mia destra salendo c'è un grosso ripetitore televisivo -credo).

Cambio programma e taglio verso ovest a cercare il sentiero 435 ravanando tra mughi e neve alta, puntando adesso al Becco della Ceriola.
Ritrovo il 455 e lo seguo fino al Sass dell'aquila. Qui inizio il lungo traverso (sentiero 446) in direzione Malga Palazzo, anche qui con una buona copertura nevosa quasi continua ma senza alcun problema (neve morbida e non troppo profonda).

Provo a salire sul becco della Ceriola dal sentiero 434 ma, arrivato al tratto attrezzato, decido che l'insieme dei fattori pendenza + neve + difficoltà è un po' eccessivo per me (il cavo a un certo punto si infila sotto la neve, non sono mai stato qui e dal basso non riesco neanche a capire dove prosegua il percorso.
Torno giù e proseguo il traverso, sempre verso Malga Palazzo. Arrivato sui pascoli della malga, trovo un altro sentiero che sale verso il Becco della Ceriola (434B. Visto che siamo su un versante più a sud spero di trovare meno neve.
Provo e, con circa 15-20 minuti, sono finalmente sulla cima! Ho conquistato il mio primo "2000" alpino di mezza stagione! (vabbe' come risultato non sarà un granchè però è stato bello lo stesso). Per festeggiare, inizia a cadere una leggerissima pioggerellina, minacciata da ore, che mi accompagnerà a tratti fino alla fine della passeggiata.
Ritorno per il lungo traverso (sentiero 446). Qui la neve è diventata un po' spappata, molliccia e scivolosa, ma si va senza problemi, poi un breve tratto di raccordo sul sentiero 446A e poi a ritroso tutto il 450 fino alla macchina.

Giornata bellissima, un po' di avventura e grande senso di libertà. Tempo incerto e visuali ridotte a causa della nuvolosità ma, almeno, non si soffre troppo il caldo!
Un saluto a tutti.
Qualche foto della giornata:


Si parte su una strada asfaltata che, presto, diventa sterrata. Seguo sempre i segni "450"



Lassù devo arrivare?


Qui la pendenza inizia ad aumentare. Il bosco è davvero bello.



Sempre bosco. Nessuna difficoltà. Si procede in modo un po' monotono.



Uno scorcio sul lago di Caldonazzo. La giornata è un po' grigia e coperta.



Sempre sul "450". I boschi subito prima di Malga Derocca.



Malga Derocca. Il termometro sulla porta segna circa 10 gradi.



Qualcuno cammina insieme a me? Chi è? In tutta l'escursione ho trovato davvero tante impronte di ungulati.



Qui, non so perché, invece di seguire il 450, tiro dritto e perdo ogni traccia...


E mi trovo a ravanare nella neve... (da qualche parte sotto alla Cima del Campigolet, non lontano da un ripetitore della televisione (credo)...


Alta...


E tra i mughi...


Rinuncio a cima Vigolana, taglio verso ovest (destra, salendo), finchè riesco a recuperare il sentiero 455



Che seguo fino al Sass dell'Aquila



Percorro il 446 verso Malga Palazzo



E devio per salire verso il becco della Ceriola sul 434. Qui decido che è un po' troppo e mi fermo.



Riscendo sul panoramicissimo sentiero 446 e proseguo verso Malga Palazzo



E trovo un altro sentiero verso Becco della Ceriola (434B). Lo seguo sui bei pascoli della Malga.



Attenzione a non mancare questo segno!



Su sentierino ripido ma facilissimo, tra pini e poi mughi, ecco la cima!



Vista condizionata dal meteo...



La cresta verso la Cima Vigolana... sarà per la prossima volta. Ora sono un po' stanco.



Ripercorro a ritroso il 446



Che a volte sembra proprio un traverso. La neve si è spappata ed è un  po' scivolosa



La Marzola, laggiù di fronte a me...



Finalmente il Becco della Ceriola visibile anche dal basso, più o meno dal Sass de l'Aquila



Scendo lungo il 446



Che poi diventa 446A (sempre ben segnalato)



E poi a ritroso lungo il 450 attraverso bei boschi di faggio e conifere...



Siamo quasi arrivati!

Offline AGH

  • Administrator
  • *****
  • Post: 20.603
  • Sesso: Maschio
  • AGH
  • località di residenza: Brusago (Altopiano di Piné)
Re:Da Vigolo Vattaro a Becco della Ceriola, girovagando
« Risposta #1 il: 26/04/2015 11:57 »
bravo bel giro...  Il Becco della Ceriola l'ho salito anni fa da Mattarello (na bella scavallada), ma da sud non l'ho mai fatto, anche se sono anni che mi propongo di farlo... in particolare visitare la "Riserva Naturale della Scanuppia". Ma mi sa che bisogna aspettare ancora un po' perché vada via tutta la neve

Offline PaSo

  • Newbie
  • *
  • Post: 21
  • località di residenza: Lavis, Trento
Re:Da Vigolo Vattaro a Becco della Ceriola, girovagando
« Risposta #2 il: 26/04/2015 14:02 »
Mi sa che mi sono perso qualcosa! Neache sapevo ci fosse una riserva naturale! La prossima volta devo documentarmi meglio prima di partire!
Comunque, a giudicare dalle impronte di animali, deve essere un posto interessante da visitare con tempi e in orari più adatti all'avvistamento della fauna selvatica!
Il punto debole del mio giro, secondo me, è la salita, piuttosto lunga attraverso i boschi sopra Vigolo Vattaro, un po' noiosa...
Ciao!

Offline PaSo

  • Newbie
  • *
  • Post: 21
  • località di residenza: Lavis, Trento
Re:Da Vigolo Vattaro a Becco della Ceriola, girovagando
« Risposta #3 il: 30/04/2015 08:51 »
Cavolo,
ho ricontrollato ed ho visto che il Becco della Ceriola non arriva a 2.000 metri! Quindi non ho ancora raggiunto il mio primo 2.000 in ambiente alpino di mezza stagione!
Dovrò tornare in zona con più calma...
P

Offline Alan

  • Hero Member
  • *****
  • Post: 3.888
  • Sesso: Maschio
  • località di residenza: Caden
Re:Da Vigolo Vattaro a Becco della Ceriola, girovagando
« Risposta #4 il: 30/04/2015 09:37 »
Cavolo,
ho ricontrollato ed ho visto che il Becco della Ceriola non arriva a 2.000 metri! Quindi non ho ancora raggiunto il mio primo 2.000 in ambiente alpino di mezza stagione!
Dovrò tornare in zona con più calma...
P
Per quello basta che vai in bondone sul Palon :) e il gioco è fatto!!!
Bello il giro, in parte ripercorre le zone del Vigolana Trail, che anche quest'anno torna a gran voce!
Cmq volevo chiederti, c'è ancora molta neve?? Pensavo a fare un giro sabato con amici e volevo capire le condizioni