Autore Topic: Escursione Tremosine-Rifugio Garda-Passo Nota-Valle di Bondo  (Letto 3913 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline flick

  • Newbie
  • *
  • Post: 18
  • località di residenza: Orzinuovi
Ciao a tutti,
mi permetto di postare in questa sezione e non in "percorsi extraregionali" perché l'itinerario che propongo si svolge per due terzi nella provincia di Brescia, ma tocca anche il Trentino meridionale nella zona confinaria di Storo-Val di Ledro.
Il percorso è facilissimo; si svolge tutto su strada sterrata e, con molta probabilità, molti tratti sono dovuti alla fatica delle migliaia di giovani che parteciparono alla prima guerra mondiale su questo fronte.
Forse molti di voi conosceranno questo percorso, in particolare coloro che praticano mountain bike, giacchè schiere di questi(è il caso di dirlo), italiani e tedeschi lo percorrono dalla primavera all'autunno.
Si parte da Vesio (una delle frazioni di Tremosine) 620 msl, si percorre la Valle San Michele, la Val Lorina e si arriva al rifugio Garda 1700 msl. Da qui si prende per la sterrata che fiancheggiando il Monte Tremalzo porta alla testata della valle, dove, passando per la galleria aperta dai militari (1800 msl), si comincia a scendere per i numerosissimi tornanti attraverso un mondo selvaggio, ricco di strapiombi e pinnacoli di svariate forme, arrivando a Passo Nota, col relativo rifugio nelle vicinanze.
Volendo cambiar rotta, si può scendere direttamente in Val di Ledro, oppure, passando per Baita Segala, si può arrivare a Limone del Garda, o a Pregasina e Biacesa.
Tornando a noi, ripartendo da Passo Nota, si scende per il sentiero che taglia i tornanti della strada (ormai tutta asfaltata) nella Valle di Bondo, ricca di acque scroscianti e si torna a Vesio, dopo una bella scarpinata di 37 km circa, tutta a piedi.
Il solo grattacapo che ci può seguire per tutto il percorso, è la paura di venire travolti da quelli che scendono a rotta di collo con le bike. E qui mi piacerebbe aprire una bella disputa sull'argomento, sotto tutti i punti di vista, senza la paura di andare a ledere interessi e passioni di chicchessia.
Ne avrei ancora, ma per stavolta, mi fermo qui.
Alla prossima.
Hasta siempre compañeros,
Guido. ;)