Autore Topic: A picco il turismo in Svizzera  (Letto 1255 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline AGH

  • Administrator
  • *****
  • Post: 20.573
  • Sesso: Maschio
  • AGH
  • località di residenza: Brusago (Altopiano di Piné)
A picco il turismo in Svizzera
« il: 04/11/2009 12:12 »
Svizzera, cala il turismo sulla neve
da montagnatv il Mar, 2009-11-03 12:24

BERNA, Svizzera -- Sarà un inverno magro quello che attende il settore turistico svizzero. Lo dice la Segreteria di Stato dell'economia di Berna che prevede complessivamente un calo del 3,7 per cento dei pernottamenti nelle località sciistiche. A mancare saranno soprattutto i vacanzieri provenienti dall'estero e la ripresa si vedrà solo nel 2011.

Un duro colpo per il turismo sulle montagne svizzere, che vedranno un consistente calo di pernottamenti dei turisti nella prossima stagione invernale. Tra novembre e aprile infatti, secondo la Segreteria di Stato dell'economia elvetica, la domanda estera dovrebbe subire una flessione del 5,1 per cento, mentre quella interna scenderà dell'1,9 per cento.

Complessivamente, tra novembre 2008 e ottobre 2009 il numero dei pernottamenti in Svizzera è già diminuito del 5,7 per cento, con un calo della domanda estera del 7,6 per cento e di turisti svizzeri del 3 per cento.

E se nell'anno turistico 2010 è prevista ancora un'ulteriore discesa del 2,6 per cento, nel 2011 la domanda dovrebbe tornare a salire dell'1,9 per cento, per poi migliorare nell'anno turistico 2012, con un aumento dei pernottamenti del 3,9 per cento.
di Valentina d'Angella
----

accadrà anche in Italia?

Offline radetzky

  • Hero Member
  • *****
  • Post: 4.890
  • Sesso: Maschio
Re: A picco il turismo in Svizzera
« Risposta #1 il: 04/11/2009 13:07 »
mica facile fare previsioni e statistiche in un paese che stà a cavallo delle Alpi e che ha quattro etnie diverse per lingua, usi e costumi !
Grosso modo, dividendo la Svizzera in due parti ovvero Sud delle Alpi e Nord delle Alpi (Svizzera "interna" come dicono loro) direi che a occhio la previsione mi par valida per la Svizzera "interna", non per il sud delle Alpi.
Per buona parte dei lombardi (Varese-Como-Milano) si fa infatti molto prima ad andare a sciare in Svizzera piuttosto che in valtellina: salvo code alla frontiera, in un'ora e mezza si è già in pista, senza far file in autostrada e si spende anche meno (impianti e pranzo "del giorno").
La forza relativa dell'Euro sul Franco Svizzero e la reale (reale, non sbandierata) assenza di inflazione in Svizzera sono un incentivo cui è da aggiungere il risparmio sulla benzina (-30%) che, da solo, paga il viaggio.
Diverso il discorso sulla Svizzera "interna", + distante e ricca di mega stazioni sciistiche piuttosto rinomate e care. Qui ci vanno gli svizzeri (e pochi stranieri benestanti). E gli svizzeri del nord sono come tedeschi ed austriaci: nonostante abbiano redditi medi molto + alti dei nostri sono molto restii a spendere a cuor leggero ed in una situazione economica perlomeno preoccupante a livello internazionale "tagliano" tutte le spese superflue: certamente non è nella loro indole fare debiti pur di andare in vacanza...contrariamente a quanto succede da noi....
quando che le pegore le va a destra.. mi vago a sinistra. e quando le va a sinistra mi vago a destra !

Offline Claudia

  • Hero Member
  • *****
  • Post: 6.719
  • Sesso: Femmina
Re: A picco il turismo in Svizzera
« Risposta #2 il: 04/11/2009 20:34 »
La forza relativa dell'Euro sul Franco Svizzero e la reale (reale, non sbandierata) assenza di inflazione in Svizzera sono un incentivo cui è da aggiungere il risparmio sulla benzina (-30%) che, da solo, paga il viaggio.
ma sai che io non l'ho trovata questa differenza quest'estate? costava praticamente come in alto adige. ho trovato invece un po' di risparmio sul gasolio andando in austria (oltre passo resia).

Offline radetzky

  • Hero Member
  • *****
  • Post: 4.890
  • Sesso: Maschio
Re: A picco il turismo in Svizzera
« Risposta #3 il: 04/11/2009 20:40 »
ma sai che io non l'ho trovata questa differenza quest'estate? costava praticamente come in alto adige. ho trovato invece un po' di risparmio sul gasolio andando in austria (oltre passo resia).

dipende dove vai: in Engadina (suppongo tu sia passata dalla val Monastero) sono tutti posti fighi e quindi piuttosto cari. Ma che non ci sia inflazione in Svizzera è assodato: lì i prezzi sono quelli di dieci anni fa, le case che una volta costavano il doppio che in Italia, adesso costano meno che da noi...
Il gasolio non fa testo: all'estero costa + della benzina, ovunque. Adesso la benza, nei pressi del confine, costa 1,02-1,05 Euro massimo.
quando che le pegore le va a destra.. mi vago a sinistra. e quando le va a sinistra mi vago a destra !

Offline Claudia

  • Hero Member
  • *****
  • Post: 6.719
  • Sesso: Femmina
Re: A picco il turismo in Svizzera
« Risposta #4 il: 04/11/2009 20:49 »
dipende dove vai: in Engadina (suppongo tu sia passata dalla val Monastero) sono tutti posti fighi e quindi piuttosto cari. Ma che non ci sia inflazione in Svizzera è assodato: lì i prezzi sono quelli di dieci anni fa, le case che una volta costavano il doppio che in Italia, adesso costano meno che da noi...
Il gasolio non fa testo: all'estero costa + della benzina, ovunque. Adesso la benza, nei pressi del confine, costa 1,02-1,05 Euro massimo.
sì infatti son passata da tubre... quando invece ero stata a livigno sì avevo visto ottimi prezzi (parlo di gasolio). era il periodo che qui costava 1.50 (luglio 2008) mentre là superava di poco l'euro.
ineffetti anche il costo degli articoli sportivi mi ha sorpresa, quest'anno in svizzera. pari o anche di più rispetto all'italia! più di sportler addirittura, il che per me è una cosa mai vista. però credo possa essere come dici tu, cioè dipendere dalla zona!