Autore Topic: [PALE DI SAN MARTINO] Sasso delle Lede m 2580  (Letto 2845 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline DDT

  • Full Member
  • ***
  • Post: 239
  • località di residenza: Breganze (VI)
A distanza di 1 settimana altra escursione nella zona meridionale delle Pale.
La meta è il Sasso delle Lede mt. 2580, imponente mole rocciosa che sovrasta Forcella delle Sedole.
Il nostro giro prevede la salita in Forcella dalla Val Pradidali e la discesa verso la Val Canali per il Vallon delle Lede.
Parcheggiamo ancora nei pressi di Malga Canali mt 1310 e prendiamo la traccia senza numero in direzione Val Pradidali, che passando per la Malga continua con qualche saliscendi al fresco nel bosco, con vista sugli splendidi Pra d’Ostio e Prati Canali.
Il sentiero si innesta sul SV 709 proveniente dal Cant del Gal poco dopo i ruderi di Malga Pradidali a ca. 1400 mt.


”Cucina economica” sulla stradina per Malga Canali


Prati Canali punteggiati da baite


Bassa Val Canali


Val Pradidali

La traccia poi inizia a salire con decisione, superando alcuni scalini rocciosi.
In questo tratto ho visto che sono stati messi numerosi corrimano metallici, penso vista l’alta frequentazione (infatti anche ieri c’era parecchia gente, per essere a inizio giugno).
A quota 1950 mt lasciamo il sentiero principale per prendere in direzione est il sentiero delle Sedole, nelle tabelle sentiero Simon. Il sentiero sale all’interno di un tetro canalone franoso ed è stato chiuso per anni causa smottamenti, inevitabili vista la natura del fondo. Ora sono stati attrezzati parecchi tratti, tali da consigliare, almeno per chi non si sente sicuro, l’uso del kit da ferrata.






Il canalone


Dall’interno del canalone verso Sass Maor, Cima di Ball e Campanile Pradidali

Al termine del canalone si sbuca su dei bellissimi prati sospesi.
Si attraversano questi prati perdendo un po’ di quota, per poi infilarsi in un altro canalone molto simile al primo, anche questo in parte attrezzato.
Al termine della faticosa risalita ci si affaccia sull’incantevole Forcella delle Sedole mt 2300.
E’ un posto isolato, magnifico, un pianoro verde che sembra fuori dal tempo.


I prati sospesi, la lingua nevosa al centro-dx della foto segna l’inizio del 2° canalone


Cima D’Oltro, Rocchette, Feltraio e Regade, sullo sfondo il Cimonega


Il 2° canalone




Tratti attrezzati ormai al termine


In Forcella delle Sedole, verso Cima delle Sedole

Resteremmo a lungo in questo angolo di paradiso, ma il meteo prevede un peggioramento nel pomeriggio e ci aspetta la parte più difficoltosa della giornata: la via normale al Sasso delle Lede.
Ci portiamo sotto la nostra cima e, relazione alla mano, risaliamo la pietraia per poi entrare nel 3° canalone da sx.
Un masso incastrato, forse aggirabile, ci impegna maggiormente (II); più avanti alcuni ometti ci invitano ad uscire dal canale sulla dx per risalire un diedro e poi attraversare in cengia in leggera discesa fino a dei ripidi verdi.
Si sale fino ad una fascia rocciosa, superabile tramite un caminetto di I sulla sx, che permette l’accesso alla conca superiore. Per zolle e roccette si raggiunge la cresta e la panoramica cima sulla sx.


Sasso delle Lede, il canale da risalire è quello con la macchia di neve al centro della foto





Sopra i verdi prima della conca superiore


La cresta finale un po esposta


In vetta, alle spalle Cima Canali


Verso Cima Wilma, Fradusta, Manstorna e Lastei


Cimerlo, Stanga e Sass Maor

Il tempo peggiora, quindi scendiamo dopo pochi minuti per tornare a Forcella delle Sedole.
Veloce spuntino e discesa verso il Vallon delle Lede, ad intercettare il SV 711 che scende dal Passo delle Lede e dal Bivacco Minazio verso la Val Canali.
Un breve scroscio d’acqua non gusta una giornata stupenda; raggiunto il fondovalle in pochi minuti siamo al parcheggio e poi al Cant del Gal davanti ad un super tagliere e all’immancabile birrozza .


In discesa, in basso Forcella delle Sedole


Il masso incastrato in discesa


Il Vallon delle Lede, sullo sfondo la Val Canali


Sul Vallon delle Lede

Escursione bellissima. Assolutamente meritevole anche la sola traversata da Val Pradidali a Val Canali per la Forcella delle Sedole, senza la cima.
Da fare senza dubbio in senso orario, per avere i canaloni franosi in salita.
14 Km, D+ 1440 mt


Il tracciato
« Ultima modifica: 06/06/2017 00:34 da DDT »

Offline piesospinto

  • Sr. Member
  • ****
  • Post: 402
  • Sesso: Maschio
  • località di residenza: Trento
[PALE DI SAN MARTINO] Sasso delle Lede m 2580
« Risposta #1 il: 06/06/2017 09:00 »
Bel giro! Ottima la notizia che il sentiero delle Sedole e' stato riattivato. Me lo segno.
Mauro

Offline AGH

  • Administrator
  • *****
  • Post: 20.456
  • Sesso: Maschio
  • AGH
  • località di residenza: Brusago (Altopiano di Piné)
[PALE DI SAN MARTINO] Sasso delle Lede m 2580
« Risposta #2 il: 06/06/2017 09:54 »
Zone che conosco poco, urge rimediare! Bel giro e belle foto, bravi! Grazie per la condivisione

PS: avete mangiato alla Malga? Si mangia da dio...

Offline Alan

  • Hero Member
  • *****
  • Post: 3.885
  • Sesso: Maschio
  • località di residenza: Caden
[PALE DI SAN MARTINO] Sasso delle Lede m 2580
« Risposta #3 il: 06/06/2017 10:41 »
Uno dei gruppi che ancora mi mancano da vedere causa la loro distanza da casa mia....
Ma credo proprio ne valga la pena spenderci un paio di giorni quest'estate...
Bella escursione, non ho visto grandi passaggi tecnici giusto? Sopratutto in discesa

Offline DDT

  • Full Member
  • ***
  • Post: 239
  • località di residenza: Breganze (VI)
[PALE DI SAN MARTINO] Sasso delle Lede m 2580
« Risposta #4 il: 06/06/2017 13:09 »
Zone che conosco poco, urge rimediare! Bel giro e belle foto, bravi! Grazie per la condivisione

PS: avete mangiato alla Malga? Si mangia da dio...
No, al mattino ovviamente era chiusa e al rientro non ci abbiamo pensato e abbiamo mangiato al Cant del Gal (ottimo comunque).
Ho visto le recensioni :P la prossima volta in zona non mancherò.

Uno dei gruppi che ancora mi mancano da vedere causa la loro distanza da casa mia....
Ma credo proprio ne valga la pena spenderci un paio di giorni quest'estate...
Bella escursione, non ho visto grandi passaggi tecnici giusto? Sopratutto in discesa
Vai tranquillo Alan, visto quello che fai, arrivi in cima senza problemi.
Bisogna solo orientarsi un po' (gli ometti non mancano) e stare attenti ai sassi che inevitabilmente si muovono nei vari canaloni.