Girovagandoblog

Escursioni in Trentino – il blog del forum girovagandoinmontagna.it

Stampa responsabile del clima d’isteria sull’orso

| 0 commenti

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather

L’Assessore Problematico e il Governatore Dannoso

Sulla vicenda degli orsi la stampa locale ha dato il peggio di sé

Dopo l’indegno articolo sulla donna aggredita in sogno dall’orso (!), ho scritto questa mail al quotidiano l’Adige, che NON ha pubblicato. Non c’è problema, ecco il testo.

La stampa locale è tra i principali responsabili del clima d’isteria collettiva riguardo l’orso. Il quotidiano “L’Adige” in particolare si è tristemente distinto, e non da ieri, per una sistematica campagna di esasperazione degli animi. Qualunque fatto riguardasse l’orso, anche il più futile, era pubblicato con esagerata enfasi e titoloni strillati.

Il tutto per raccattare qualche click online e vendere qualche copia in più in edicola. Ritengo che il giornalista abbia però, oltre alla ovvia necessità di vendere la propria mercanzia, anche una responsabilità sociale (deontologia?). In un progetto così difficile come il ripopolamento dell’orso, in cui il Trentino si è coraggiosamente (o temerariamente?) impegnato, la clava mediatica e spregiudicata della stampa può avere effetti nefasti e determinarne un misero fallimento. Un fallimento che a ben vedere non giova a nessuno: al Trentino, ai trentini e infine anche ai poveri orsi, protagonisti loro malgrado di quella che è ormai diventata una tragica farsa.

Non saprei infatti come altro definire la rimozione di un’orsa che fa l’orsa, che difende cioè la prole da una intrusione. Tanto valeva mettere dei pupazzi se questa è la concezione che troppi trentini, a cominciare dai loro governanti, hanno degli animali selvatici.

Con la pubblicazione della notizia (sic) della donna finita all’ospedale perché aggredita dall’orso in sogno (!), si è davvero toccato il fondo. Il fondo del ridicolo e anche del giornalismo, che con questo genere di notizie offre uno spettacolo avvilente di se stesso. Un giornale serio dovrebbe essere un punto di riferimento, una fonte affidabile dove il lettore possa trovare notizie vere e non bufale o stupidaggini demenziali come questa. Se anche la stampa si mette a rincorrere le scemenze del web, è la fine.

PS: alla luce della tragica fine di KJ2, ora si vede bene come il giornale L’Adige, sempre lui, stia facendo lo stesso giochetto, quello di soffiare sul fuoco, di “scaldare colla” come diciamo noi trentini: dando voce e spazio alle frange più estremiste e demenziali degli animalisti. Ebbene questo modo di fare informazione de l’Adige mi fa schifo. Non comprerò più una sola copia del giornale in vita mia: lo considero tra i responsabili morali della morte di Daniza prima e di KJ2 adesso. Invito chi non ha condiviso questa indecente campagna giornalistica a fare altrettanto.

Autore: Agh

Content manager portali turismo e montagna, fotografo, cameraman

Lascia un commento

I campi obbligatori sono contrassegnati con *.